Sulla Via degli Dei

Giu 5, 2017 | Investire su se stessi | 0 commenti

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Il portico di San Luca, il lungo Reno, asfalto, boschi, il contrafforte Pliocenico, il falco pellegrino, i castagni, la campagna toscana e soprattutto l’Appennino, il sentiero, il cammino.

Qui trovate il racconto delle mie cinque tappe sulla Via degli Dei, a piedi da Bologna a Firenze per 100 (e passa) chilometri. Così sapete un po’ più di me, di chi sono come persona prima ancora che come professionista.

E chissà, magari vi viene voglia di organizzare una esperienza di formazione o di counseling camminando, vi guiderei volentieri. L’ho fatto altre volte con aziende e gruppi di lavoro diversi e so per certo che produce grande ricchezza di spunti ed emozioni. Fa crescere, insomma.

Allora ecco il link al diario de La Via degli Dei. A presto, e buon cammino

Simonetta[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”1/2″][vc_single_image image=”16683″ img_size=”full”][/vc_column][vc_column width=”1/2″][vc_single_image image=”16648″ img_size=”full”][vc_column_text]

La mappa dice che la meta è vicina e allora tanto vale andare avanti, come se a forza di camminare, dalla mattina alla sera, ci si ritrovasse addosso una seconda natura, ma forse è solo l’effetto di qualche neurotrasmettitore che inonda il cervello quando si fanno girare le gambe e si guarda il mondo a cinque chilometri all’ora.

Da “Il Sentiero degli Dei” Wu Ming 2[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi