Ottimismo, illusione e… disillusione

Lug 26, 2017 | Emozioni | 0 commenti

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Un cambio di luce, la tonalità tra gli alberi è più verde. Più intensa. Si intravvede il cielo. Ormai siamo in cima, penso, ancora un tornante e usciamo dal bosco. Il sentiero è ripido, in qualche punto è una rampa, in luglio fa caldo anche all’ombra, anche in montagna. Cammino ancora, e no, non siamo in cima.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”5/6″][vc_column_text]Ce ne vuole, un’ora buona, e in quell’ora soffro. Nonostante ami quello che sto facendo, la fatica mi pesa, semplicemente perché mi ero illusa che l’obiettivo fosse lì, praticamente già raggiunto. L’aspettativa era stata innescata da una valutazione errata, la luce diversa, ma dal momento che si trattava di qualcosa di concreto, che ho visto con i miei occhi, sembrava corretta. Percorrere un sentiero aspettandosi continuamente che finisca drena molte più energie che godendoselo, passo per passo.[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/6″][vc_column_text]

mi ero illusa che l’obiettivo fosse lì

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”1/4″][vc_column_text]

l’illusione ci può prendere la mano nel tentativo di comunicare ottimismo

[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”3/4″][vc_column_text]Questi spunti si applicano, pari pari, anche al lavoro, agli obiettivi personali o aziendali e alle aspettative nostre e altrui, che del lavoro fanno parte.

L’ottimismo va molto di moda, quanto meno negli slogan che si leggono dappertutto, web, brochure e cartelloni aziendali, ma è soggettivo e manovrarlo efficacemente richiede, secondo me, un po’ di sensibilità sui meccanismi delicati di illusione e disillusione. Altrimenti, diventa un boomerang.

In sintesi, l’ottimismo è sapere che abbiamo un obiettivo ed essere confidenti che lo raggiungeremo anche se sarà impegnativo. L’illusione è avere un obiettivo e farla troppo facile, siamo già qui cosa vuoi che sia, l’illusione ci può prendere la mano nel tentativo di comunicare appunto ottimismo. Solo che non è realistica anche se lo sembra, non è ancorata ai dati di fatto o quei dati li interpreta male, se no non sarebbe illusione. E la disillusione pare impalpabile e invece è greve, rende tutto molto più pesante.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”5/6″][vc_column_text]Un ultimo punto. Perché ho letto male il cambio di luce sul sentiero? Ho una bella esperienza di montagna, lo so che a volte sembra di essere in cima e non è così, basta una curva nell’altra direzione. Eppure ero certa. Lì non c’ero mai stata, eppure ero sicura, ho visto la luce.

Anche se abbiamo esperienza e competenza sufficiente, ci illudiamo, prendiamo un elemento dal quadro, un segnale e lo interpretiamo a conferma di quello che vogliamo, e ci crediamo. In sostanza, una parte di noi vuole illudersi. E poi ci toccherà deluderci e soffrire. Non voglio entrare qui nel perché di questa dinamica, voglio solo sottolineare che è frequente, è profondamente umana.[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/6″][vc_column_text]

una parte di noi vuole illudersi

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”1/4″][vc_column_text]

ci serve saper gestire la disillusione, che prima o poi arriva anche per gli ottimisti

[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”3/4″][vc_column_text]E quindi ci serve non solo riconoscere il confine tra ottimismo e illusione, ma anche saper gestire la disillusione, che prima o poi arriva. La nostra e quella del nostro team se ne guidiamo uno, o ne facciamo parte. Saper gestire la disillusione significa avere belle competenze emotive, che alleviano quel momento, quella fatica che l’aspettativa frustrata rende più pesante. Ad esempio, sapersi rassicurare, per gestire la disillusione serve affrontare quel gradino, ok, è più difficile di quel che avevo creduto, ok ho sbagliato a leggere i segnali, eppure ho fiducia che ce la farò, ho l’ottimismo che arriverò in cima anche stavolta.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_single_image image=”16801″ img_size=”large”][vc_column_text]Una faggeta tra Pratignano e Ospitale, sull’Appennino modenese, domenica 23 giugno 2017[/vc_column_text][vc_single_image image=”16809″ img_size=”large”][/vc_column][/vc_row]

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi