Il gradino

Apr 20, 2017 | Investire su se stessi | 0 commenti

[vc_row][vc_column][vc_column_text]A volte capita di scontrarsi con il proprio gradino, quello scarto che c’è tra ciò che credevamo di essere e ciò che invece siamo. Pensavamo di avere certe caratteristiche, o capacità, e invece no. Questo ci succede in particolare se ci cimentiamo in qualcosa che ci mette un po’ alla prova, se usciamo dagli ambiti noti e confortevoli. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”1/2″][vc_single_image image=”16514″ img_size=”large” alignment=”center”][/vc_column][vc_column width=”1/2″][vc_column_text]

Qualcuno lo chiama fallimento, lo vive come uno smacco. Qualcun altro lo chiama crescere.

[/vc_column_text][ultimate_spacer height=”20″ height_on_tabs=”20″ height_on_mob=”10″][vc_column_text]Se proviamo ad andar su di un livello, possiamo scoprire che abbiamo meno determinazione, abilità o motivazione di quel che pensavamo, soprattutto se qualcosa non ci viene facile, non ci riesce naturalmente.[/vc_column_text][vc_column_text]La nostra era una autovalutazione ottimistica, o in altri termini, bambina. La grandiosità è infantile, fantasticando ingigantisce noi stessi, oppure i problemi, le altre persone, il mondo. Quando ci scontriamo con la realtà, può subentrare una autovalutazione adulta, più obiettiva e meglio dimensionata. Qualcuno lo chiama fallimento e lo vive come un insuccesso. Qualcun altro lo chiama crescere.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text]Certo, si passa per un po’ di delusione, o frustrazione, se eravamo molto convinti può non esser semplice. Pigliamo una botta all’autostima. Possiamo evolvere se poi recuperiamo e ci rafforziamo, se dopo esserci scontrati con il nostro limite non molliamo, o non del tutto, e cerchiamo altre vie. In sostanza, se perseveriamo ancora, soprattutto se si tratta di qualcosa di importante.[/vc_column_text][vc_column_text]Da parte mia, vedo benevolmente le mie fantasie bambine su me stessa e sul mondo, guardo affettuosamente quel gradino. Solo così non mi demotivo.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi