Conosci il tuo limite

Lug 26, 2016 | Investire su se stessi | 0 commenti

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Dove arrivare e dove fermarsi? Finché non provi non lo puoi realmente sapere.

Fa parte della crescita, individuare cosa siamo capaci di fare, tracciare il limite delle nostre energie e abilità psicofisiche. È una scoperta progressiva e dinamica, nel tempo cambia. Siamo spesso pieni di preconcetti su noi stessi, su cosa siamo o non siamo in grado fare, non è semplice essere obiettivi. Poi magari ti ci trovi, in una opportunità o in un problema, e ti scopri.

Sapere dove possiamo arrivare, arrivarci, superarsi ma non rischiare troppo, sono abilità in se stesse.

[/vc_column_text][vc_single_image image=”16002″ img_size=”full” alignment=”center” onclick=”zoom”][ultimate_spacer height=”20″][vc_column_text]Alcuni di noi tendono a sopravvalutarsi, desiderano intensamente oltrepassare e progredire, e si trovano in qualche guaio, mi è successo più di una volta. Altri di noi tendono a sottovalutarsi, si costringono al poco, e la chiamano prudenza. Tra questi due opposti, c’è una conoscenza ed una consapevolezza di sé più profonda, provata e non pregiudiziale.

Conoscere il limite vuol dire accettarsi profondamente, sapendo che non è una linea definitiva, domani potrai migliorare, o forse peggiorare, dipende. E vuol dire accettare le proprie paure, o comprenderne l’assenza, che non aiuta a capirsi.

Conoscere veramente il proprio limite significa vedere oltre, l’orizzonte, la prospettiva. Non saprai veramente dove rinunciare se non intravvedi un ambito più ampio, ti sembrerà di esserti fermato perché finiva il sentiero ma sarà stato per mancanza di visione.

Tutto sommato, sapere di avere un limite, coccolarselo, arrivarci e verificarlo, vedere che c’è dell’altro e proseguire in una dolce sfida con se stessi, è uno dei migliori sapori della vita. Mi pare.[/vc_column_text][vc_column_text]PS Ovviamente, fare tutto ciò in montagna è più facile, almeno per me. Ci sono gli omini di pietra, che ti segnano la linea, e ci sono gli orizzonti che ti segnano l’oltre.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi