Come raccontiamo la nostra impresa e il nostro prodotto

Mag 2, 2016 | Cambiamento, Narrazione d'impresa | 0 commenti

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Ho cominciato da poco un corso con un gruppo di commerciali, dieci persone che guidano l’intera struttura di vendita di una grande azienda (220 milioni di euro il fatturato, giusto per darvi un riferimento). È gente esperta, navigata. Ci siamo chiesti come raccontare al meglio l’azienda ed il prodotto, a clienti che sono in genere buyer o simili, che si occupano tutto il giorno di acquisti e parlano continuamente con venditori.

Abbiamo messo a confronto una modalità di comunicazione tradizionale ed una più narrativa, in cui le informazioni vengono organizzate in un racconto.

Non è detto che una strada sia meglio dell’altra, dipende dallo scopo della comunicazione e dall’interlocutore, ma una è senza dubbio più avvincente! Riduce la routine, sia per il venditore che per buyer. Poi, alcune informazioni tecniche possono essere aggiunte, o comunicate tramite altri canali, ad esempio per iscritto.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”1/3″ column_bg_check=”column-background-dark” css=”.vc_custom_1462173719836{background-color: #636363 !important;}”][ultimate_spacer height=”30″ height_on_tabs=”20″ height_on_mob=”20″][vc_column_text]La nostra azienda è nata nel 1962 da un gruppo di agricoltori. Oggi siamo una cooperativa di 223 soci e 440 lavoratori. Ci siamo sviluppati sino ad includere l’intera filiera che è completamente integrata, controllata e certificata, dall’allevamento e conferimento del bestiame sino alla trasformazione e lavorazione. Il nostro prodotto è 100% italiano ed in tutte le fasi segue i più alti standard di qualità.[/vc_column_text][ultimate_spacer height=”30″ height_on_tabs=”20″ height_on_mob=”20″][/vc_column][vc_column width=”1/3″ css=”.vc_custom_1462173948615{background-color: #ffffff !important;}”][ultimate_spacer height=”30″ height_on_tabs=”20″ height_on_mob=”20″][vc_single_image image=”15925″ img_size=”large”][/vc_column][vc_column width=”1/3″ column_bg_check=”column-background-dark” css=”.vc_custom_1462173982505{background-color: #232323 !important;}”][ultimate_spacer height=”20″ height_on_tabs=”20″ height_on_mob=”20″][vc_column_text]Siamo una cooperativa, io stesso sono un socio e lavoro all’interno. Per farle un esempio, il nostro primo presidente teneva i consigli dentro l’officina dove aggiustava i trattori, noi siamo i diretti discendenti di quel gruppo di persone, così vicine al lavoro, alla terra e alla qualità di quello che si produce. Spesso siamo i diretti discendenti alla lettera, molti soci e lavoratori attuali sono i figli dei fondatori.[/vc_column_text][ultimate_spacer height=”20″ height_on_tabs=”20″ height_on_mob=”20″][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][ultimate_spacer height=”20″ height_on_tabs=”20″ height_on_mob=”20″][vc_column_text]Allora i venditori dovrebbero essere narratori? Direi di sì, non nel senso di affabulatori che rimbambiscono l’ascoltatore infarcendo di bugie un discorso vuoto, ma dovrebbero avere la capacità di essere avvincenti, interessanti quando parlano, e anche un poco originali. Penso che sia utile saper comunicare in modo caldo, sempre professionale, invece di “recitare” il catalogo. E per saper fare questo occorre prepararsi, studiare un po’, selezionare buone storie e allenarsi a raccontarle bene.

Comunque noi andiamo avanti col corso, e vedremo…

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi